Home. Gli inizi. Il nostro Seminario. Chi siamo?. Donazioni.

© 2009-2012  Redemptoris Mater Seminary                           26 Camboon Road, Morley, (Perth) Western Australia 6062  

Il Signore è lì nel giardino dell'Eden, alla brezza del giorno, quando chiede  ad Adamo: "Dove sei?" Quello che facciamo nel Santuario è camminare all’interno della Scrittura.     Quando ci incontriamo qui, il Signore è di nuovo in mezzo a noi e chiede a ciascuno di noi: "Dove sei oggi?" , "Qual è la tua situazione di vita?", "Perché soffri?", "Cosa stai nascondendo?".


Molte persone oggi sono lontane dalla Parola di Dio. Chi vive ne peccato si nasconde, proprio come Adamo ha fatto e non vuole ascoltare il suono del Signore che cammina nel giardino. I seminaristi  si riuniscono qui nel Santuario una volta alla settimana per la liturgia formale del “camminare all’interno della Scrittura”, chiamata “scrutatio”. Essi sono anche incoraggiati a venire da soli e ad avere un tempo personale con il Signore nella Scrittura.

Bema:  Di fronte al Tabernacolo è l'imponente struttura chiamata Bema. Anch’esso è fatto di legno locale Jarrah, è il luogo in cui si canta e proclama la Parola. Nei riti orientali, per amore del Verbo divino la Scrittura è sempre cantata, anche perché la vita di Cristo è sempre stata vista come un cantico alla volontà del Padre.

 

Lo spazio intermedio: I troni sono stati posizionati in modo particolare che consente un corridoio centrale e  visibilità. Il fatto che la prima fila sia ad un gradino inferiore aiuta ogni persona ad essere visibile agli altri. In mezzo c'è un corridoio. Questo spazio intermedio ci ricorda l'episodio nel giardino di Eden.

Bema e Roveto Ardente

Roveto Ardente  La finestra di fronte Orientale è conosciuta come il Roveto Ardente. Ci ricorda le esperienze di Mosè in Egitto. In primo luogo Dio gli appare per la prima volta nel deserto del Sinai nella fiamma di un roveto ardente, che non si consuma e gli dice che la terra sotto i suoi piedi è sacra. Più tardi, di nuovo sul monte Sinai, Mosè doveva ricevere il dono dei Dieci Comandamenti, o meglio, le Dieci Parole di Vita, la Torah.


Un esemplare preso dal Monte Sinai è stato inserito nella prima pietra e può essere visto  lasciando il Santuario.